(+39) 06 9060082

Il D.Lgs 81/2008 all'articolo 134, dispone l'obbligo di redazione del Piano di Montaggio Uso e Smontaggio (PiMUS) ogni qual volta vengano utilizzati ponteggi.

L'articolo 136 comma 1 pone in capo al datore di lavoro dell'impresa, incaricata del montaggio e dello smontaggio dei ponteggi, l'obbligo di redazione del PIMUS a mezzo di persona competente.

L’allegato XXII del D.Lgs 81/08 spiega in modo molto chiaro e dettagliato i contenuti del PiMUS, mettendo in evidenza il punto più importante, le procedure di montaggio e smontaggio, che devono essere descritte passo dopo passo e sono direttamente dipendenti dalla scelta di quale sistema di protezione collettiva o DPI utilizzare.

Il Testo Unico (D.Lgs 81/08) all’ art. 75 dispone che:”i DPI devono essere impiegati solo quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro.”  Se ne deduce quindi che sui sistemi prefabbricati, ovvero telai e multidirezionale, laddove è più frequente poterli utilizzare, i parapetti provvisori devono essere preferiti ai DPI, mentre invece trovano un impiego più frequente sui tubi e giunti che per loro natura sono privi di quella modularità necessaria per l'utilizzo dei parapetti provvisori.

Il D.Lgs 81/2008 all'art. 115 inoltre dispone che i DPI siano certificati per l'uso specifico e all'art. 76 che tutti i DPI posseggano i requisiti previsti dal D.Lgs 475/1992.

Per quanto concerne invece i D.P.I. di III° categoria, quindi quelli destinati alla salvaguardia delle persone contro i pericoli più gravi, tra cui la caduta dall'alto, la normativa impone che siano conformi alle norme armonizzate, ovvero a quelle emanate dal CEN su mandato dell'Unione Europea e recepite dall' Ente Italiano di Unificazione Normativa (UNI) di seguito riportate:

  • UNI EN 341 - Dispositivi di discesa.
  • UNI EN 354 - Cordini.
  • UNI EN 355 - Assorbitori d'energia.
  • UNI EN 358 - Cinture di posizionamento e di trattenuta e cordini di posizionamento.
  • UNI EN 360 - Dipositivi anticaduta di tipo retrattile.
  • UNI EN 361 - Imbracature pr il corpo.
  • UNI EN 362 - Connettori.
  • UNI EN 363 - Sistemi di arresto caduta.
  • UNI EN 795 - Dispositivi di ancoraggio.

Durante la redazione del PiMUS il datore di lavoro deve accertarsi della compatibilità tra i vari DPI utilizzati, della resistenza dei punti di ancoraggio da utilizzare e della compatibilità di utilizzo sui ponteggi. Si tratta di verifiche molto complesse che spesso portano all'attuazione di procedure di montaggio molto dispendiose in termini di tempo. La scelta di una linea vita progettata per l'uso specifico elimina questo problema poichè tutto è stato già verificato dal produttore e certificato da un organismo abilitato.

Occorre sempre ricordare che i DPI non eliminano il rischio di caduta dall'alto ma ne minimizzano solo le conseguenze, aggiungendo anzi dei rischi legati al loro utilizzo come ad esempio l'inciampo e l'errato indossamento. Proprio perché la caduta può sempre avvenire, all'interno del PiMUS devono essere previste anche le operazioni di emergenza, tenendo presente che l'arrivo dei soccorsi pubblici non potrà avvenire nel tempo sufficiente ad evitare rischi per la salute di colui che è rimasto in sospensione inerte.

Diverso è il caso di utilizzo dei parapetti provvisori che eliminano a monte il rischio di caduta a patto che siano stati costruiti per questo. I requisiti necessari per far sì che un parapetto provvisorio possa assolvere alla sua funzione di impedimento alla caduta sono stabiliti dalla norma UNI EN 13374. In presenza quindi di parapetti provvisti di marcatura CE, ovvero conformi a tale norma, basterà riportare all'interno del PiMUS le istruzioni d'uso fornite dal produttore.

La scelta del preposto e del numero dei componenti della squadra dipende dalla rapidità con la quale si intende eseguire il montaggio ma anche dal sistema anticaduta utilizzato e dalle eventuali procedure di emergenza predisposte. Ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 136 comma 6 se ne deduce che in ogni caso i membri della squadra di montaggio e smontaggio non possono essere minori di due. In caso di utilizzo di DPI anticaduta, e perciò di pianificazione di operazioni di emergenza, il numero dei componenti della sqadra non potrà essere inferiore a tre.

PROGRAMMA DEL CORSO

MODULO 28 ORE

MODULO GIURIDICO
  • Legislazione generale di sicurezza in materia di prevenzione infortuni
  • Analisi dei rischi - Norme di buona tecnica e di buone prassi
  • Statistiche degli infortuni e delle violazioni delle norme nei cantieri
  • Cenni sul Titolo IV, Capo II limitatamente ai "Lavori in quota" e Titolo IV, Capo I "Cantieri"
MODULO TECNICO
  • Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (Pi.M.U.S.)
  • Autorizzazione ministeriale
  • Disegno esecutivo
  • Progetto
  • DPI anticaduta: uso, caratteristiche tecniche, manutenzione, durata e conservazione
  • Ancoraggi: tipologie e tecniche
  • Verifiche di sicurezza: primo impianto, periodiche e straordinarie
MODULO PRATICO
  • Montaggio-smontaggio-trasformazione di ponteggio a tubi e giunti (PTG)
  • Montaggio-smontaggio-trasformazione di ponteggio a telai prefabbricati (PTP)
  • Montaggio-smontaggio-trasformazione di ponteggio a montanti e traversi prefabbricati (PMTP)
  • Elementi di gestione prima emergenza - salvataggio
{loadmodule mod_super_simple_contact_form,Richiedi una consulenza}

INFORMAZIONI

SEDE LEGALE E OPERATIVA:
Via Antonio Pacinotti, 13
00015 (RM) Monterotondo

CERTIFICAZIONI

LOGOOPN2019NUOVOO.P.N.Organismo Paritetico Nazionale, leader per le certificazioni aziendali in Italia.

 

ISO 9001 La norma definita dall'International Organizzation for Standardizzation.

CONTATTI

(+39) 06 9060082
 
(+39) 1782729356
 
info@format-srl.com